Posts Tagged ‘VANGELO DI MATTEO’

h1

AVVENTO 2011 “RIALZATI, PER TE DIO SI E’ FATTO UOMO”

2 novembre 2011

 Il Signore Gesù è venuto nel passato, viene nel presente, e verrà nel futuro…E’ “carne” come noi ed è “roccia” come Dio

h1

PRIMA DOMENICA DI AVVENTO-anno A

27 novembre 2010

Dal Vangelo secondo Matteo (24,37-44)

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: “Come furono i giorni di Noè, così sarà la venuta del Figlio dell’uomo. Infatti, come nei giorni che precedettero il diluvio mangiavano e bevevano, prendevano moglie e prendevano marito, fino al giorno in cui Noè entrò nell’arca, e non si accorsero di nulla finché venne il diluvio e travolse tutti: così sarà anche la venuta del Figlio dell’uomo. Allora due uomini saranno nel campo: uno verrà portato via e l’altro lasciato. Due donne macineranno alla mola: una verrà portata via e l’altra lasciata.

Vegliate dunque, perché non sapete in quale giorno il Signore vostro verrà.Cercate di capire questo: se il padrone di casa sapesse a quale ora della notte viene il ladro, veglierebbe e non si lascerebbe scassinare la casa. Perciò anche voi tenetevi pronti perché, nell’ora che non immaginate, viene il Figlio dell’uomo”.

Riflessione

Il Figlio dell’uomo

È un titolo messianico ed è ripetuto sei volte nel brano, mentre nell’intero vangelo di Matteo ricorre una trentina di volte, sempre con la maiuscola e sempre riferito a Gesù:

– che mangia e che beve come tutti,

– che semina la Parola di Dio in ogni campo,

– che accetta le offese,

– ma che è il Signore del sabato.

La prima volta “Figlio dell’uomo”compare nel capitolo 8 dopo che Gesù ha guarito l’intera città di Cafarnao che si è ammassata nella casa di Pietro.

Ha creato entusiasmo, forse anche troppo, e un tale vuole seguirlo. Gesù innaffia però il fuoco fatuo, facendosi più piccolo degli animali adulti:

“Le volpi – dice – hanno le loro tane e gli uccelli del cielo i loro nidi, ma il Figlio dell’uomo non ha dove posare il capo”.

L’ultima volta il “figlio di Adamo”, “uomo come gli altri” serve a Gesù per indicare la propria identità di Cristo o Messia e quindi di Figlio di Dio come nessun altro.

Al sommo sacerdote, che non ha capito nulla ma che da giudice lo condanna come un bestemmiatore e un idolatra, Gesù risponde gettando sguardo e corpo oltre la morte, in una Pasqua di risurrezione e di vita.

Siamo solo al primo giorno di Avvento ma Gesù, già cosciente che il Figlio dell’uomo deve uscire malamente di scena (cfr. Mt 26,24) apre gli occhi dei credenti sulla sua altissima identità, consolazione per chi crede, lo aspetta e lo segue e minaccia per la miope istituzione religiosa:

“Io vi dico: d’ora innanzi vedrete il Figlio dell’uomo seduto alla destra della Potenza e venire sulle nubi del cielo” (Mt 26,64).

Preghiera

Gesù, Figlio dell’uomo,

tu sei venuto a guarire l’intera umanità

come hai guarito la suocera di Pietro a Cafarnao.

Vieni presto Gesù, Figlio dell’uomo,

a guarire tutti gli uomini e le donne ammalate

perché non vivono più in attesa della tua venuta.

Vieni presto Gesù, Figlio dell’uomo,

donaci di riconoscerti come Messia,

come Figlio di Dio,

seduto alla destra del Padre.

Amen.

h1

SETTIMANA BIBLICA 2010 – 28 GIUGNO 2 LUGLIO-VANGELO DI MATTEO

6 marzo 2010

 

SCARICA QUI LA BROCHURE E LA SCHEDA DI ISCRIZIONE

h1

INCONTRO DI SPIRITUALITA’ E CONDIVISIONE DEL GRUPPO CATECHISTE

1 marzo 2010

Guarda nel tuo cuore e scopri i doni che Dio ti ha fatto!

LA PARABOLA DEL TALENTI

Mt 25, 14-30

 

Alcuni momenti dell’incontro 

 

 

meditazione e riflessione

 

momenti di convivialità

 

Preghiera finale

SCARICA L’OPUSCOLO X LA MEDITAZIONE

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: